Gentile utente

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo
DIRETTORE
Dott. Antonio Nicita
Via Teocrito 18, Ragusa
Tel: 0932 - 234418
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
vedi mappa

L’allungamento della vita media porta ad un aumento del numero di utenti con malattie croniche. La maggiore attenzione verso un miglioramento della qualità della vita e dell’integrazione sociale mette in risalto la comparsa di nuovi bisogni nella popolazione a cui le Aziende sanitarie rispondono anche attraverso i Servizi di assistenza integrativa, protesica ed handicap fornendo gratuitamente quei dispositivi che possono migliorare l’autonomia sia delle persone disabili sia dei familiari favorendo l’inserimento sociale e permettendo o facilitando lo svolgimento delle attività della vita quotidiana.

Il servizio assicura l’assistenza protesica ed integrativa con la fornitura diretta o indiretta di: ausili e protesi (secondo quanto indicato dal Nomenclatore tariffario nazionale e dalla regione Sicilia), prodotti dietetici, presidi per diabetici, materiale di medicazione compreso nel nomenclatore tariffario nazionale, rimborsi per spese mediche, assistenza sanitaria all’estero, inserimento presso istituti per la riabilitazione.

SINTESI FINALITA' DEL SERVIZIO

E’ presente in provincia con le unità operative presso i distretti di Ragusa, Modica e Vittoria.

Responsabile
Dr.ssa Patrizia Camillieri
Via Paestum 41 97100 Ragusa
Tel: 0932 - 234753
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
vedi mappa
LuogoIndirizzoGiorno e Ora
RAGUSAVia Paestum 41Dal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Responsabile
Dr.ssa Maria Giuseppa Roccasalvo
Via A. Moro 3, 97015 Modica
Tel: 0932 - 448426
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
vedi mappa
LuogoIndirizzoGiorno e Ora
ModicaVia A. Moro 3Dal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Pozzallo Via Orione 4Dal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Ispica Via SardegnaDal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Scicli Ospedale BusaccaDal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Responsabile
Dr.Ignazio Occhipinti
Via Roma (presso ex ospedale vecchio) 97013 Comiso
Tel: 0932 - 740429
ignazio.occhipinti @asp.rg.it
vedi mappa
LuogoIndirizzoGiorno e Ora
ModicaVia A. Moro 3Dal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Pozzallo Via Orione 4Dal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Ispica Via SardegnaDal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Scicli Ospedale BusaccaDal Lunedì al Venerdi dalle 8,30 alle 13,00
Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00
Riguarda gli atti relativi all’erogazione alle persone disabili o a quanti ne hanno necessità, anche per un periodo limitato, dell'assistenza protesica prevista nei Livelli essenziali di assistenza. Questo tipo di assistenza mette a disposizione del cittadino tre tipologie di dispositivi:
  • GLI AUSILI: sono dei prodotti che permettono di prevenire, compensare, alleviare o eliminare una menomazione o disabilità (stampelle, carrozzina, deambulatori, traverse, pannoloni, traverse, cateteri, presidi per colostomizzati, ecc.). Permettono alla persona disabile di compiere un atto che non potrebbe fare in condizioni normali.
  • LE PROTESI: sono quelle apparecchiature che sostituiscono parzialmente o completamente parti mancanti o non funzionanti del corpo (arti artificiali);
  • LE ORTESI: sono apparecchiature che migliorano la funzionalità di una parte del corpo presente ma che non funziona in modo adeguato (ad esempio scarpe ortopediche, corsetti,..)
Il Servizio sanitario nazionale con il D.M. 332 del 1999 , modificato dal D.M. 321 del 2001, ha regolamentato attraverso il “Nomenclatore Tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche” le modalità di fornitura e l’elenco dei presidi, con le relative tariffe, erogabili gratuitamente alle persone che ne hanno diritto e necessità. Il Nomenclatore è suddiviso in tre elenchi:
  • il primo elenco contiene “dispositivi su misura”, tutti quei dispositivi che sono utilizzabili solo dal paziente a cui sono stati prescritti in quanto o sono costruiti su misura o, se di serie, sono stati adattati da un tecnico abilitato su prescrizione del medico specialista ( apparecchi ortopedici, corsetti, calzature…);
  • il secondo elenco contiene “dispositivi di serie” tutti quegli ausili che non richiedono una personalizzazione (letti, carrozzine,…);
  • il terzo elenco contiene invece quei “dispositivi acquistati dalle ASP” che vengono dati in uso ai pazienti (respiratori, montascale.).
Hanno diritto all'erogazione dei dispositivi contenuti nel nomenclatore, in relazione alla loro patologia:
  1. gli invalidi civili, di guerra e per servizio, i privi della vista e i sordomuti;
  2. i minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura e riabilitazione di un’invalidità permanente;
  3. possessori di invalidità civile superiore a 1/3
  4. chi ha presentato domanda di invalidità ed è impossibilitato a deambulare senza l’aiuto di un accompagnatore e necessità di assistenza continua;
  5. i soggetti laringectomizzati e tracheotomizzati, ileo-colostomizzati e urostomizzati, i portatori di catetere permanente, gli affetti da incontinenza stabilizzata nonché gli affetti da patologia grave che obbliga all'allettamento, previa presentazione di certificazione medica. Per i suddetti soggetti, la prescrizione, redatta da uno specialista del Ssn, dipendente o convenzionato, competente per la menomazione; indica i dispositivi protesici necessari e appropriati;
  6. i soggetti amputati di arto, le donne con malformazione congenita che comporti l’assenza di una o di entrambe le mammelle o della sola ghiandola mammaria ovvero che abbiano subito un intervento di mastectomia ed i soggetti che abbiano subito un intervento demolitore dell'occhio, previa presentazione di certificazione medica;
  7. i ricoverati in una struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, per i quali il medico responsabile dell'unità operativa certifichi la contestuale necessità e urgenza dell'applicazione di una protesi, di un’ortesi o di un ausilio prima della dimissione, per l'attivazione tempestiva o la conduzione del progetto riabilitativo, a fronte di una menomazione grave e permanente. Contestualmente alla fornitura della protesi o dell'ortesi deve essere avviata la procedura per il riconoscimento dell'invalidità.
Agli invalidi del lavoro, i dispositivi dovuti ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124, sono erogati dall'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (Inail) con spesa a proprio carico.
La procedura per ottenere l’erogazione dei presidi prevede 4 passaggi: la prescrizione, l’autorizzazione, la fornitura e il collaudo.
  • Prescrizione
    Può essere fatta dal medico specialista della struttura pubblica o privata accreditata, competente per tipologia di menomazione o disabilità. Per alcuni ausili (pannoloni-traverse, ausili per la prevenzione e trattamento delle lesioni cutanee) può essere fatta anche dal medico di famiglia. La prescrizione deve comprendere una diagnosi circostanziata, l’identificazione del dispositivo, protesi o ausilio prescritto, degli eventuali aggiuntivi o adattamenti necessari per la sua personalizzazione, un programma di utilizzo del dispositivo.
  • Autorizzazione
    E’ rilasciata dalle unità operative di assistenza integrativa, protesica ed handicap dell’Azienda sanitaria provinciale di residenza del cittadino.
  • Fornitura
    E’ effettuata dalla ASP o direttamente o tramite le ditte fornitrici accreditate liberamente scelte dagli assistiti (el. 1) o tramite le ditte aggiudicatarie di gara pubblica (el. 2-3).
  • Collaudo Viene effettuato dal medico prescrittore ed ha la finalità di verificare che il dispositivo fornito corrisponda a quanto prescritto e che sia idoneo a soddisfare le esigenze del paziente.
Possono essere dati soltanto quelli compresi nel “Nomenclatore Tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche” e devono essere riferiti all’invalidità certificata.
Alcuni dispositivi non indicati nel nomenclatore ma riconducibili per omogeneità funzionale a quelli presenti possono essere forniti ma eventuali differenze di prezzo sono a carico del paziente. Gli ausili personalizzati sono di proprietà del paziente, mentre quelli non personalizzati possono essere dati in comodato d’uso per cui quando non più necessari devono essere restituiti all’Azienda Sanitaria.