Gentile utente

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

AL MAGGIORE DI MODICA NEL REPARTO DI ORTOPEDIA EFFETTUATO INTERVENTO PER

PROTESI ANCA PER VIA MINIVASIVA ANTERIORE

 

“L’equipe diretta dal dott. Catalano segna un importante traguardo nella frontiera ortopedica della chirurgia ortopedica mininvasiva”

 

Ragusa, 4 maggio 2019 – Tre interventi chirurgici sono stati effettuati, su pazienti affetti da coxartrosi all’anca, tramite un’innovativa tecnica chirurgica, nell’U.O.C. Ortopedia dell’ospedale Maggiore di Modica, direttore f.f.  dott. Alfio Catalano.

 

I tre interventi sono stati eseguiti dall’equipe di Ortopedia del P.O.  modicano guidata dal dott.  Catalano con la presenza del prof. Cesare Faldini, dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna. Infatti, il dott.  Catalano ha appreso tale innovativa tecnica chirurgica effettuando stage formativi all’estero – Parigi - e all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.

 

Un’innovativa tecnica chirurgica mininvasiva detta AMIS -  Anterior Minimally Invasive -  che si serve di una metodica che permette di eseguire un intervento di protesi all’anca per via mininvasiva anteriore e che riduce in maniera significativa il rischio di danneggiamento delle strutture periarticolari quali muscoli, tendini, vasi e nervi. Tutto avviene   in modo semplice standardizzato, riproducibile e sicuro, indipendentemente dal morfotipo del paziente, tramite l’utilizzo di uno strumentario dedicato, disegnato per minimizzare e semplificare i passaggi chirurgici.

«Questo innovativo sistema è stato sviluppato in collaborazione con Chirurghi Ortopedici di tutto il mondo – ha spiegato il dott. Catalano  - con l’obiettivo di semplificare l’esecuzione della tecnica mininvasiva dell’anca permettendo di  ridurre la permanenza ospedaliera, ridurre significativamente i tempi di riabilitazione, ridurre i rischi di lussazione, preservare il tono muscolare nell’immediato post operatorio, ridurre il dolore post operatorio, ridurre le perdite ematiche, velocizzare la ripresa delle attività quotidiane e ridurre le cicatrici.»

 

Dott. Alfio Catalano